MENU' GENERALE



 



 sei in Home » Top » NOTIZIE

NOTIZIE

Cs situazione comune di Foggia
"Un sindaco chiuso in una sorta di cerchio magico a trazione familistico/dirigenziale, dal quale è fuori chiunque osi non conformarsi ai suoi diktat, palesemente inadeguato a gestire finanche la sua stessa maggioranza, attaccato un giorno si e l'altro pure sul fronte amministrativo, che fa acqua da tutte le parti". È la fotografia che viene fuori del sindaco Landella secondo il segretario cittadino del Partito Democratico, Mariano Rauseo, dopo l'ultimo "psicodramma" andato in scena ieri al Comune di Foggia.

Cs Rauseo su bocciatura ricorso
"Finalmente si mette una parola chiara su una vicenda che si è protratta fin troppo. Ora si chiuda questo capitolo e si vada avanti per il bene dei nostri elettori, che meritano un Partito Democratico non già dedito ad incomprensibili tecnicismi interni, ma alle istanze del territorio". Così il segretario del PD di Foggia Mariano Rauseo sul deliberato del Consiglio nazionale dei Garanti che ha rigettato il ricorso del consigliere comunale e regionale uscente Sergio Clemente.

Cs Rauseo su criminalità
"Non bastano le passerelle istituzionali del giorno dopo. La solidarietà resta esercizio sterile e demagogico se non accompagnato da iniziative concrete a tutela degli esercenti vittime del racket. E' per questo che il PD ha lanciato, ormai da settimane, una proposta forte e concretizzabile a supporto del settore.

Rimpasto di giunta
"Se si chiedeva una ulteriore conferma del fatto che il Comune di Foggia sia ormai diventato il comitato elettorale della famiglia Landella-Di Donna, questa è arrivata col rimpasto di giunta". Così il segretario del PD di Foggia, Mariano Rauseo.



Cs Direzione Cittadina
Su convocazione del segretario cittadino del PD, Mariano Rauseo, si è riunita ieri la direzione del partito di Foggia per discutere delle elezioni che attendono la Regione Puglia. Tre i punti fondamentali sui quali si è concentrata la discussione: sostegno al candidato presidente, Michele Emiliano; qualità del programma; numero e qualità dei candidati da esprimere in seno alla lista provinciale in corso di allestimento.

Cs dimissioni Clemente
Spiace apprendere che il consigliere Sergio Clemente abbia scelto di affidare alla stampa la notizia delle sue dimissioni di capogruppo dal momento che gli organi competenti non ne sono stati minimamente informati. Non lo è stato il gruppo consiliare, che il capogruppo aveva il dovere di riunire al fine di comunicare l'intendimento che andava maturando; non lo è stata la segreteria cittadina, alla quale il consigliere avrebbe dovuto rivolgersi, se non altro per garbo istituzionale, essendo questo l'organo deputato a tali tipi di processi interni al partito.

« Precedente   Successivo »
1 ] 2 ] 3 ] 4 ] 5 ] 6 ] 7 ] [ 8 ] 9 ] 10 ] 11-20 ] 21-30 ] 31-40 ]
Powered by IUNET s.r.l.